Scuola

 

- Primo giorno di scuola. Cosa fare?

 

- La scuola si chiude, e adesso…?

 

Tra qualche giorno molti bambini affronteranno il primo giorno di scuola primaria. Come pensate dovrebbe svolgersi? Come eliminare eventuali paure del bambino?Quali accorgimenti dovrebbero adottare gli insegnati per renderlo piacevole? Cosa dovrebbero fare i genitori?

Di seguito le risposte.

 

--------------------------

1) Per la mia esperienza, ho verificato che creare un ambiente giocoso e accogliente è il modo più efficace per far superare il primo impatto e far nascere nei bambini (ma anche nei ragazzi più grandi e idem negli adulti che iniziano percorsi di formazione) l'interesse e la voglia di continuare. Fare giochi, in modo che i bambini si conoscano fra loro è il primo passo che permette ad un gruppo di sciogliersi e di accettarsi. Da lì in poi è come aver ricreato una piccola famiglia dove i bambini si possono sentire sicuri e amati dagli insegnanti e dai compagni. Aiutare quelli più in difficoltà ad aprirsi per stimolare la solidarietà nel gruppo, atteggiamento che peraltro aiuta a smorzare eventuali manifestazioni di bullismo future. Insomma rendere la scuola come il posto più entusiasmante dove passare la giornata. I genitori possono favorire l'inserimento con lo stesso metodo, parlando della scuola come un luogo fantastico dove impareranno cose straordinarie che li renderà dei piccoli maghi della vita. Sembra buffo ed esagerato ma far sognare i bambini è semplice e molto produttivo. E' che gli adulti non sono più capaci a farlo, spesso perché sia la famiglia che la scuola hanno, involontariamente, spento questa capacità.

Saluti a tutti
Anna Lazzeri



2) Come per tutte le cose credo che un inserimento graduale sia la cosa migliore per l'ingresso dei bambini nella scuola primaria...organizzare il primo giorno insieme alle famiglie potrebbe fungere come facilitatore per i bambini oltre che come strumento di conoscenza e rapporto tra la famiglia e la scuola.

Ester Costantino

-------------------------------------


3) Conosco insegnanti che al primo giorno di scuola primaria preparano un'accoglienza particolare e piacevole per i bambini. Ad es. mettono un cagnolino fatto con i palloncini in una cesto, sul cagnolino vengono scritti i nomi dei bambini e poi ognuno lo prende e lo porta al banco che sceglie.
Ci sono scuole, invece, (le medie inferiori) che nella prima settimana organizzano una gita socializzante per permettere ai ragazzi di conoscersi e conoscere i prof. Belle iniziative per stemperare l'ansia.

Marcella Gilli

---------------------------------------

4) ll primo giorno di scuola è un evento troppo importante per i bambini, per cui questo passaggio dovrebbe essere il più soft possibile. Sarebbe bello se a scortare i bambini nel nuovo ordine di scuola (secondo la continuità) ci fossero anche gli insegnanti dell'ordine di scuola precedente. Particolare importanza deve avere l'accoglienza che non può essere improvvisata.
Anna Lo Sardo

------------------------------------------------------

 

La scuola si chiude, e adesso…?

 Rispondo, brevemente, alle richieste di tante mamme preoccupate ed un po’ confuse sul da farsi, adesso che la scuola ha chiuso i battenti.

 

 Le tanto sospirate vacanze sono arrivate per i bambini, che non vedevano l’ora di posare i libri e andare nei luoghi di divertimento, principalmente al mare per giocare, ma tante mamme ancora lavorano e non sanno come occupare il tempo dei figli in vista di una vacanza comune, altre, anche se non sono occupate con il lavoro, non hanno la possibilità di trasferirsi in villeggiatura e chiedono qualcosa di alternativo alla visione dei programmi in tv, da far fare ai loro figli.  Il consiglio è certamente quello di far giocare i bambini all’aria aperta, ma per ovviare a questa mancanza si possono organizzare spazi gioco in terrazza o anche in una veranda, preparando l’ambiente come se fosse un luogo di vacanza, volendo anche con una piccola piscina, in alternativa al mare o agli spazi di ritrovo per bambini che richiedono il pagamento di una piccola cifra. Se i compagni e gli amici non sono più in città e il vostro bambino si trova da solo e desideroso di compagnia, si può rivalutare l’idea di portarlo a giocare nei piccoli spazi verdi della città. Infine, considerate l’idea di trascorrere più tempo insieme ai vostri figli, la vostra vicinanza, secondo anche un sondaggio nazionale di qualche mese fa, è gradita più di un gioco organizzato, più della tv o del videogame. 
                                                                                                     Buone vacanze a tutti.
    

                                                                      Selene Grimaudo

13/09/2013 12:01
Studio di consulenza familiare

Inviaci una mail. Potrai iscriverti alla newsletter dello Studio per essere sempre informato sulle nostre attività.