Home » I corsi attivati

I corsi attivati


Corsi e workshop in presenza e online

Corsi e workshop in presenza e online - Studio di consulenza familiare

1) “I bambini e le fiabe. Significato e valore della narrazione” (online)

2) “Conoscere e affrontare l´ADHD"  corso di primo livello 

3) “ADHD. Strategie educative ed interventi pratici” corso di secondo livello

4) "I Disegni dei bambini"

5) "Educazione alimentare e Pedagogia auxologica"

6) "Bullismo! Che fare?” (corso di aggiornamento in presenza)

7) “La creatività infantile” (corso di aggiornamento in presenza)

8)" Introduzione alla Comunicazione"

9) 
“Comunicazione verbale”  

10) “Comunicazione non verbale” (in presenza)

11)
"Strategie di prevenzione per l'uso scorretto di internet da parte di bambini e adolescenti"

12) “Disturbi Specifici di Apprendimento. Riconoscerli per operare” corso di primo livello

13) “Oltre le parole. Capire chi ci sta accanto” (in presenza)

14) “Il Ritmo del respiro. Rilassarsi contro lo stress” (PMR metodo Jacobson -  solo in presenza)

15) "Il bravo insegnante: metodologia e didattica applicata nella gestione efficace della classe" 

16) “Percorso Counseling” 

17) "Abuso sulle Donne e violenza di genere"

18) “ADHD. Conoscerlo, affrontarlo, operare con strumenti pratici”- corso di aggiornamento in presenza per Docenti

19) "DCA. Cosa fare?"

20) "Disabilità e Autismo. Intervento psicopedagogico e strategie metacognitive"

21) "DSA. Interventi mirati e metodologie specifiche" - corso di secondo livello

22) "Una fiaba per ogni problema. Laboratorio di fiabe per bambini e adulti"Corso 2

23) “Il Disegno come strumento di valutazione del maltrattamento e dell’abuso minorile”

24) “L’adulto consapevole: affrontare i comportamenti devianti. Il Bullismo

25) “L’adulto consapevole: affrontare i comportamenti devianti. Gli adulti e i minori

26) “Le emozioni e gli aspetti della loro gestione nel contesto scuola-famiglia”

 


info corsionlinesegreteria@yahoo.it


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
“Disabilità e Autismo. Intervento psicopedagogico e strategie metacognitive”

Docente: Dott.ssa Selene Grimaudo

Fornire le conoscenze per la gestione della disabilità e dell’autismo, tramite interventi e strategie mirati

Obiettivi Specifici

1) Conoscenza ed evoluzione della terminologia e definizioni di disabilità
2) Avere consapevolezza dell’interazione tra scuola‐famiglia‐ extrascuola nell’ottica della disabilità
3) Fornire strumenti didattici, metodologici, operativi ed indicazioni terapeutiche per l’autismo

 .............................................................................................................................................
 -
Di seguito i commenti di una nostra corsista sul corso

"Disabilità e Autismo. Intervento psicopedagogico e strategie metacognitive"

 


            Scrivi un tuo commento sul corso che hai seguito.
Inizialmente, al momento dell’ iscrizione a questo corso, ero un po’ insicura e titubante sull’ esito ottenuto. Era la prima volta che seguivo un corso totalmente on line ed ero un po’ preoccupata che fosse come si suol dire “una bufala”. Mi sono ricreduta appena mi sono stati inviati i materiali delle lezioni. Materiali ricchi, scritti in modo corretto e preciso e accompagnati ad una parte pratica caratterizzata da attività, oppure testi di storie vere. E’ stato proprio questo, a mio parere, il punto di forza di questo corso, ovvero l’ associazione di una parte teorica ed una pratica. Come ho già risposto in altre domande questo corso è stato davvero interessante e mi ha permesso di approfondire aspetti che conoscevo soltanto in linea generale e venire a conoscenza invece di aspetti dei quali non avevo mai sentito parlare. E’ stato certamente un corso che consiglierei a chi è indeciso circa la partecipazione ed iscrizione e che ripeterei in modo più approfondito qualora si presentasse un’ altra occasione per conoscere nuovi aspetti legati a queste tematiche.  
 
            Quali competenze, in particolare, pensi di avere acquisito?
Certamente conoscenze specifiche inerenti l’evoluzione della disabilità e la legislazione ad essa correlata, l’autismo, le psicosi, le cause di tali disturbi e i numerosi interventi che non sapevo si potessero attivare in vari ambiti. Ho acquisito maggior amore e empatia che mi permetteranno, spero, di poter svolgere al meglio un lavoro in ambito educativo.
 
   Quale lezione hai trovato più interessante tra quelle proposte?
Ho trovato maggiormente interessate la lezione sul tema dell’ autismo, anche se ci tengo a sottolineare che per me sono risultate tutte interessanti, sia le lezioni che i vari approfondimenti proposti. Tra gli approfondimenti forniti quello maggiormente interessante è stato quello riguardante le attività ludiche con bambini disabili, in quanto ha fornito informazioni pratiche per ambito fondamentale, in quanto a dimensione ludica è quella che in ambito educativo, e non solo, va privilegiata con i bambini. E’ stato quindi importante ottenere informazioni specifiche su accortezze e comportamenti da seguire con bambini disabili.
 
  Scrivi  un aggettivo  per definire il corso che hai seguito.
Ricco e Pratico.
 
Silvia 

I Disegni dei Bambini

I Disegni dei Bambini - Studio di consulenza familiare

PROGRAMMA DEL CORSO

      Prima lezione - “Dallo scarabocchio al disegno” 
Seconda lezione - “Il colore ed il suo significato”
Terza lezione - “Leggere” i disegni
Quarta lezione - L’omino - La famiglia - La casa - L’albero ”
Quinta lezione - Disagio emotivo e disabilità”


 Per comprendere e decodificare i messaggi che i nostri bambini ed alunni vogliono lanciare attraverso il disegno. 

Il tratto più o meno marcato; l'uso dei colori tenui, intensi o scuri; la collocazione spaziale degli elementi e tanto altro per riuscire a "leggere" quanto i bambini esprimono tramite il disegno.  Verranno proposte osservazioni di disegni e saranno forniti gli strumenti per capire le dinamiche familiari,  le relazioni interpersonali, le ansie, le paure, le difficoltà di bambini normodotati, dei bambini in situazioni di difficoltà e di disabilità.

 

--------------------------------------------------------------

 “Il Disegno come strumento di valutazione del maltrattamento e dell’abuso minorile”

  L’intervento dello psicologo nella decodifica dei disegni e nella stesura della perizia psicodiagnostica in caso di presunto abuso su minore

 

 “Nell’ambito della psicologia clinica e dello sviluppo è condivisa l’idea che il potere raccontare le storie traumatiche vissute dai soggetti rappresenti un’esperienza efficace nella valutazione, nel sostegno e nella cura della persona. Il minore traumatizzato, non comprendendo il senso di ciò che gli accade, non riesce ad elaborare in maniera corretta gli stimoli circostanti che limitano la possibilità di potenziare il proprio senso di sicurezza, il sapere e le abilità. Il bambino, pertanto, non si esprime verbalmente, ma attraverso i disegni…”

 

Destinatari – Psicologi,  CTU, Gestori di Centri antiviolenza per minori e di comunità per le violenze di genere, Docenti (scuola dell’infanzia, scuola primaria, ecc.), Docenti specializzati, Assistenti sociali. Pedagogisti/Educatori, Operatori sociosanitari, Studenti, rappresentanti delle Forze dell’Ordine, Avvocati, altre figure professionali interessate al corso e coloro che desiderano cimentarsi nell’approfondimento delle tematiche del corso.

  
 PROGRAMMA

 

I LEZIONE: 

- Il disegno nella valutazione del maltrattamento e dell’abuso minorile

- Psicologia clinica ed il racconto delle storie traumatiche

- I disegni dei bambini abusati: incongruenze

- Psicologia giuridica e tecniche grafiche

- La consulenza psicologica in sede giudiziaria: aspetti tecnici e metodologici

- CTU

- Compiti del CTU

- Dal primo appuntamento peritale alla perizia

- La valutazione del minore presunta vittima d’abuso e le sue aree d’indagine

- Diagnosi

- Le metodologie d’ascolto

- Tecniche di rilassamento e d’intervista

 ° Modello di relazione di Consulenza tecnica

II LEZIONE:

- I test grafici. Assunti teorici

- Principi generali: realizzazione di un disegno e osservazione degli elementi formali e strutturali

- Rappresentazione e qualità del Sé e delle relazioni familiari: Test della Figura Umana, Test della Famiglia, Test dell’Albero

- Percezione dell’ambiente e immagine del mondo esterno: Il test della Casa in chiave psicologica

 ° Prova pratica

 III LEZIONE: 

- I test proiettivi nella valutazione dell’abuso

- Test di Rorschach

- Favole della Düss

- Children’s Apperception Test

- Family Attitudes Test

 ° Esercitazione finale 

  Bibliografia

 

Docente: Dott.ssa Laura Rosa Gulino (psicologa) 

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO - Studio di consulenza familiare

 

Corsi online sui DSA primo e secondo livello

  Il nostro Studio effettua corsi  on line da qualche anno, mentre nella modalità in presenza, dal 2000. Nello specifico il corso sui DSA (primo livello) è stato proposto in presenza e pubblicizzato online (con articoli, interventi e resoconti dei corsi in presenza) già dal 2003 (troverete le foto nella sezione foto e testimonianze, e in web articoli riferiti a quegli anni). Ovviamente, le informazioni e gli studi sui DSA vanno avanti, pertanto, anche il nostro corso si aggiorna, grazie al lavoro di ricerca dei nostri collaboratori che hanno contribuito alla realizzazione. Le ultime edizioni del corso sono state riviste (rispetto ai precedenti corsi proposti) alla luce delle "nuove scoperte sui DSA" (accertata la natura neurologica dei DSA- Legge 2010 sui DSA - Linee Guida luglio 2011).
Nel corso troverete i resoconti dell'azione del "Consensus" e "Sinpia" organismi specifici per i DSA. Abbiamo aggiunto allegati sui compiti del referente per la Dislessia nelle scuole, sui protocolli relativi alla presa in carico del problema, sull'azione sinergica delle figure che operano alla presa in carico dei DSA. Abbiamo definito i ruoli di ciascun professionista del settore (neuropsichiatra, psicologo, pedagogista, logopedista, insegnante, ecc.), trovato nuovi metodi per la presa in carico (Metodo Doman, ecc.), strategie (modeling, shaping, chaining, prorompting) e tanto altro.  Intervenire precocemente sui DSA è molto importante e tutti gli esperti concordano su tale punto. L’intervento deve partire già dalla seconda classe della scuola primaria, ma sin dalla scuola dell’infanzia si notano determinate caratteristiche assimilabili alle difficoltà legate ai DSA. Si rileva una particolare sensibilità personale di insegnanti, pedagogisti, psicologi, operatori socio-sanitari, ecc. al problema, vista la crescente e sempre numerosa richiesta di famiglie, operatori scolastici e sanitari a partecipare a corsi di formazione e aggiornamento sulla tematica.

 


Un commento sul nuovo corso DSA aggiornato con le Linee Guida 2011

 


Questo corso ha contribuito, per come strutturato, a fornirmi sicuramente consapevolezza del problema: troppo spesso noi insegnanti soprassediamo di fronte a problemi di questo tipo preferendo altre spiegazioni. La consapevolezza e la spiegazione dei sintomi, delle cause, delle dinamiche che possono insorgere, delle difficoltà dei bambini ed il provare a mettersi nei loro panni, aiuta ad inquadrare il problema e a sensibilizzare i docenti all’utilizzo di strategie alternative che possano in qualche modo compensare alcune difficoltà permettendo l’apprendimento. Le lezioni mi hanno fatto riflettere e dato molti spunti per lavorare: quando ho letto le diverse strategie per ogni disturbo, la prima reazione è stata: “ma queste le conosco, queste le uso...” ma potrei utilizzarne di più. Tante sono piccoli accorgimenti, semplici da mettere in atto, ma forse il pensiero di dover strutturare il percorso spaventa un po’. Come insegnante di scuola primaria sono attenta alle dinamiche di ciascun bambino, ma 23 sono sempre un buon numero, ognuno presenta una modalità diversa di affrontare la realtà scolastica e di mettere a frutto le sue capacità. Comunque, l’aver chiaro quali possono essere gli interventi possibili, vederli scritti ed “autorizzati” rappresenta per me un aiuto importante ed una sicurezza in più per non sbagliare l’approccio.   E di certo, fruire delle lezioni ed eseguire le esercitazioni ha favorito l’acquisizione di una sicurezza in più, oltre naturalmente all’approfondimento di un problema attuale e di cui ancora si sa poco.
Grazie, Sabrina.

 

 -------------------------------------------------------------------------------------

DSA. Interventi mirati e metodologie specifiche - corso di secondo livello. Un commento.
 

1)    Secondo te, quali sono stati i punti di forza ed i punti deboli del corso?

Tra i punti di forza sicuramente i tanti strumenti pratici messi a disposizione, le spiegazioni su come impiegarli e, soprattutto, le esercitazioni che ci spingono ad un’attenta riflessione.

Punti di debolezza…. Nessuno.

 2)    Dai un tuo giudizio complessivo su questo corso di secondo livello.

Sono pienamente soddisfatta del corso, per i motivi delineati al punto 18. È uno dei pochi corsi che mi ha lasciato positivamente soddisfatta, per la chiarezza, per l’approfondimento delle tematiche, per gli strumenti consegnatici e per l’enorme bagaglio di link e bibliografia da consultare.

 3)     Ti sei sentito/a seguito ed incentivato nel percorso dal tuo tutor? Ha chiarito dubbi e fornito indicazioni esaustive?

Che dire… Complimenti alla tutor!!! Chiara, disponibile e sollecita.

 4)    Quali competenze in più pensi di avere acquisito, rispetto al corso di primo livello?

Sento di avere una maggiore conoscenza dei DSA e una maggiore consapevolezza degli strumenti e degli interventi possibili, oltre che competenze pratiche che consentono di cominciare a muovere i primi passi in attività mirate per bambini con DSA.

 5)     Quale lezione hai trovato più interessante tra le quattro proposte?

La lezione 3 è sicuramente quella più interessante, soprattutto in merito alle modalità di screening e al utilizzo del PDP.

 6)    Hai già applicato nella tua professione spunti, suggerimenti, attività o altro proposti dal corso?

Non ancora, ma questo secondo corso mi ha dato spunti fondamentali per portare avanti il mio progetto di apertura di un centro sui DSA.

 7)    Le tue aspettative sul corso si sono realizzate?

Pienamente

8)    Scrivi  un breve commento  per definire il corso che hai seguito.

Denso di informazioni, chiaro nei contenuti, dettagliato e tendente all’applicazione pratica.

 

Micaela


 

PERCORSO ALIMENTAZIONE

PERCORSO ALIMENTAZIONE - Studio di consulenza familiare
Corso Educazione Alimentare e Pedagogia auxologia
 
 
PROGRAMMA

INTRODUZIONE

L'obesità pediatrica infantile e la Pedagogia Auxologica - Questionario iniziale

PARTE TEORICA
 L'obesità infantile
 Calcolo dell’eccesso e del difetto ponderale
 Le complicanze patologiche del Bambino obeso
 Come Intervenire?

PARTE PRATICA

L'insegnante a scuola ed il pedagogista auxologico nella pratica professionale.  Attività da svolgere con i bambini in “Percorsi di educazione alimentare”.

Esercitazione : Progettare una giornata di educazione alimentare per i bambini - Questionario finale di verifica e valutazione
 
Docente Dott.ssa Maria Grazia Mandirà (Educatrice, esperta in Pedagogia auxologica)

------------------------------------------------------------------
“Disturbi del Comportamento Alimentare. Cosa fare?" 


I DCA sono disturbi sempre più frequenti tra gli adolescenti. Sono interessate per la maggior parte le ragazze, ma anche fra i ragazzi, ultimamente, la percentuale si è alzata. Perché si verificano, da cosa hanno origine? Sembra che la mancanza di appetito per l’anoressia o l’ appetito smodato per la bulimia, abbiano origine da un’enorme “fame d’amore”…  vedi programma

Docente: Dott.ssa Beatrice Bottini


Chiedi  scheda d'iscrizione  
corsionlinesegreteria@yahoo.it  

Percorso "Tecniche di comunicazione"

Percorso "Tecniche di comunicazione" - Studio di consulenza familiare
- Introduzione alla Comunicazione 

PROGRAMMA

1^ lezione
 Parte introduttiva
 Questionario iniziale
LA CONOSCENZA DI SÉ E LA COMUNICAZIONE
CONOSCERSI PER CONOSCERE
Competenze di base
E CRESCENDO IMPARI

2^ lezione  -  LA “PRAGMATICA DELLA COMUNICAZIONE UMANA"

Cos’è la Comunicazione
Emittente e ricevente
Gli assiomi della comunicazione
Gli elementi che disturbano la comunicazione
La capacità di ascolto
ESERCITAZIONI

3^ lezione LE TECNICHE DI COMUNICAZIONE

Brainstorming
Cos’è il BRAINSTORMING
Circle Time
Role Play
Cos’è il role play?
Il gioco nel role play
La comunicazione e le sue applicazioni
in ambito professionale
Questionario di verifica  


Il Corso Introduzione alla Comunicazione è propedeutico ai corsi:
-Comunicazione Verbale  -  Comunicazione non verbale


 ***********
 
 “Comunicazione Verbale”

               

Attivato dallo Studio di Consulenza Familiare e Psicopedagogica di Alcamo e dall’Ass. Pedagogia Olistica di Alcamo, il Corso online “Comunicazione Verbale” . Il Corso è diretto a: educatori, pedagogisti, insegnanti (di ogni ordine e grado), psicologi, assistenti sociali e professionisti nel settore, nonché a studenti universitari, a chi parla spesso in pubblico, giornalisti e politici. La partecipazione è aperta a chi ha già frequentato con noi il Corso propedeutico “Introduzione alla Comunicazione” (desumendo la partecipazione dai nostri archivi). Il Corso si svolgerà in 3 lezioni da 5 ore (forfettarie) ciascuna (Tot. 15 ore).
 

Programma

‐ Introduzione
‐ Questionario iniziale

Lezione 1^
‐ I principi della Comunicazione e la Programmazione Neurolinguistica
‐ L’arte dell’Oratoria e la retorica classica
‐ Come comunicare?
‐ Analisi delle dimensioni ( sintattica, semantica, pragmatica)

Lezione 2^
‐ Come preparare un discorso (informativo, persuasivo, di occasione, sacro, ecc.)
‐ Il timore del giudizio
‐ Comunicare a scuola e nei gruppi
‐ L'insegnante
- Comunicare in famiglia
- Esercitazione intermedia

Lezione  3^
- La comunicazione in politica
- Comunicazione e giornalismo
- Le altre risorse della comunicazione verbale
- Conclusioni
- Questionario finale

Studio di consulenza familiare

Inviaci una mail. Potrai iscriverti alla newsletter dello Studio per essere sempre informato sulle nostre attività.